“I’M FESTIVAL” DOCUMENTARIO DI ALESSIO PERISANO E MARIO VEZZA

Scritto da Fabrizio Nardi e diretto da Alessio Perisano e Mario Vezza, “I’m Festival” è un documentario a sfondo sociale prodotto dalla casa di produzione Fourmile. Il film, girato in Turchia, racconta le vicende del piccolo Ibrahim nella città di Mardin nel sud della Turchia a pochi km dalla Siria. Protagonisti delle vicende Ibrahim Ishakoglu e Umut Altinordu.

Sinossi: Mardin, Turchia.
Ibrahim è un bambino che lavora nel piccolo bar di suo nonno e come ogni anno aspetta di rincorrere gli artisti che faranno esplodere le strade di colori, suoni e di spettacoli straordinari. Mardin per il 3° anno consecutivo accoglie il
più grande Festival di Circo Sociale in Turchia. L’evento è organizzato dall’associazione Her Yerde Sanat (Art Anywhere) che ha lo scopo di creare la prima scuola di circo nazionale per bambini e renderla punto di riferimento
culturale e artistico per i giovani della città. Il Festival è il volano di tutto questo. Ogni anno l’emozione si riaccende con più di settanta artisti che si catapultano qui da tutto il mondo per riscoprire i sorrisi felici dei bambini che rendono magica ogni cosa.
Un semplice gioco segnerà l’ amicizia tra Ibrahim e Umut, un divertente clown dal naso rosso, egli imparerà che, il gioco e la festa se condivisa con gli amici sarà ancora più divertente.

Di seguito il trailer

 

 

Note di regia

Azzurro a perdita d’occhio, distese immense e centri urbani nati su strutture medievali. Mardin è tutto questo e le città vicine sono piccoli agglomerati che punteggiano distese senza fine. La convivenza tra piccolissimo e sconfinato ha fatto sì che la regia si uniformasse alla struttura geofisica dei luoghi, panoramiche e riprese strettissime sono il mezzo per accedere all’essenza del documentario.
I circensi che animano Mardin sono schegge impazzite e la regia si affianca a loro con un punto di vista frenetico, movimentato ed a tratti caotico. Le interviste, al contrario, sono studiate per immergere lo spettatore nella tranquillità di qualche attimo, poche parole prima di rituffarsi nel magma creativo del circo. Stili diversi al servizio di culture diverse per raccontare un’unica emozione: il circo.

Soggetto

È possibile essere felici a pochi km da una guerra?
IM FESTIVAL è un documentario che racconta le vicende del piccolo Ibrahim e della sua attesa. Dal grigio e piccolo bar all’emozione più grande: essere parte di quell’arcobaleno di colori che è suoni che è il circo.
Mardin è una città del sud della Turchia, capolinea di culture e tradizioni diverse che convivono a pochi km dalla Siria. È un posto speciale, diverso da ogni luogo, una città giovane ed in grado di ammaliare ogni viaggiatore. La storia di Ibrahim si snoda tra le viuzze cittadine ed il confronto con gli artisti di strada provenienti da ogni parte del mondo: sono settanta, ognuno con una storia incredibile da raccontare. Il circo è questo, anima e vivifica anche il più sterile campo, rende speciale ogni sorriso, e Ibrahim, che incarna il dovere di famiglia, ne ha bisogno. E così, la fuga dal bar di suo nonno si trasforma in un viaggio di sola andata all’inseguimento di quel frastuono, di quei colori che possano coprire, fino a mettere a tacere, il ‘rumore’ delle bombe che cadono lì vicino. Il circo di IM Festival è un evento che dura una settimana, lascia dietro di sé una strada di gioia che resta viva fino all’anno dopo. Ed al ritorno è sempre più grande.
Corse tra i circensi, balli, spettacoli e interviste sono la struttura del documentario sul quale si innesta la vicenda di Ibrahim; verrà raccontato il suo
smarrimento nell’evento, la sua felicità e la consapevolezza di far parte di qualcosa di unico. Avrà tanti amici, ma uno in particolare, Umut il simpatico clown dal naso rosso, gli donerà l’insegnamento più grande: sorridi ed il Mondo ti sorriderà.

Licenza Creative Commons Questo sito è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Hit counter by goldbetreview