INTERVISTA ALL’ATTRICE/SCENEGGIATRICE E REGISTA ANNAMARIA LORUSSO

[A cura di Marinella Landi]

NSG ha intervistato per voi l’attrice, sceneggiatrice e regista Annamaria Lorusso vista nei recenti Il tempo di un respiro e Ombre nella memoria, da lei scritti, interpretati e diretti, e che avremo il piacere di vedere nella serie di prossima uscita Inferno e in molti altri progetti. Buona lettura!

[NSG] – Ciao Annamaria, benvenuta e grazie della disponibilità! Sei, in parallelo, sia attrice che regista, come nasce la tua passione per il cinema e per entrambi i mestieri scelti?

[A.L.] – Fin da bambina amavo interpretare ruoli diversi nei vari spettacoli che si tenevano nelle scuole e in piccoli eventi della città. Man mano questa passione è aumentata e ho deciso di frequentare una scuola di recitazione, dizione e regia per poter avere “le carte in regola” per affronatare il teatro e il cinema. Dopo vari anni di teatro sono approdata nel cinema indipendente con piccoli ruoli e man mano in ruoli più impegnativi e da protagonista.

[NSG] – Come nasci principalmente?

[A.L.] – Da attrice e sceneggiatrice

[NSG] – Quale dei due ruoli preferisci, quello di attrice o quello di regista?

[A.L.] – Il ruolo da regista è meraviglioso perchè creativo, ma quello che sono è attrice poiché essere infinite persone differenti racchiuse in un’unica identità che le interpreta è una sfida costante.

[NSG] – Ti vediamo in entrambe le vesti nei recenti “Il Tempo di un Respiro”, co-diretto insieme a Emilio Perrone, e “Ombre della Memoria”, cortometraggi che hanno avuto un grande successo, cosa puoi dirci in merito?

[A.L.] – Avevo due progetti nella mente e nel cuore e la loro realizzazione ho voluto appartenesse a me in tutto ragion per cui ho deciso di curarne anche la regia. Nel “Tempo di un respiro” viene trattato un tema drammatico basato su una “leggenda metropolitana”, che si dice sia veritiera, avvenuta in una chiesa a Soriso, un piccolo paese in provincia di Novara. In “Ombre nella Memoria” viene affrontato un tema più attuale e sempre vivo purtroppo con un finale volutamente crudo che lasci dell’amaro in bocca.

[MSG] – Un lavoro atteso che ti vede nel cast è la web serie firmata dai fratelli Malpighi “Inferno”. Chi  sarà il tuo personaggio?

[A.L.] – Il mio personaggio in questa serie è una sorpresa, l’unica cosa che posso dire è che sono una sorta di guida per Dante interpretato egregiamente da Roberto D’Antona. E’ un personaggio molto bello, quasi etereo, che potrebbe avere un’evoluzione inaspettata in futuro. Chissà!

[NSG] – Abbiamo sentito spesso pareri di colleghi – maschietti – in merito al modo di vedere il nostro cinema italiano, sia indie che non, tu cosa pensi a riguardo?

[A.L.] – In Italia ci sono grandi e numerosi talenti che spesso non trovano la strada per il successo e numerose capre che invece l’hanno con estrema facilità per ragioni che non sapremo mai. Temo che se il cinema italiano sia sempre costellato da bei visi e poco talento rischi un crollo definitivo, ma sono una persona fiduciosa e per questo spero presto abbia la svolta che merita.

[NSG] – Quali sono i pro e i contro del tuo lavoro, in base alle tue esperienze, in un ambito di per se non facile?

[A.L.] – Tra i pro sicuramente il conoscere persone nuove, confrontarmi con le loro esperienze e acquisire magari nuove tecniche di recitazione con cui non mi sono imbattuta prima. Tra i contro…dormire poco e sentire tanto,ma tanto freddo quando si gira all’estreno in Inverno :D

[NSG] – Progetti futuri?

[A.L.] – Nel mese di Febbraio e prime settimane di Marzo sarò impegnata sul set del lungometraggio “The Last Hero – L’Ultimo Eroe” un fantasy/horror dove io interpreto l’antagonista e, per la prima volta nella mia carriera, un personaggio totalmente differente da tutti quelli che ho intrerpretato fino ad oggi. Di questo progetto molto ambizioso, al momento non è permesso dire nulla se non che (ironia della sorte) il protagonista, Alan, è interpretato dal pluripremiato Roberto D’Antona, mentre a vestire i panni del co-protagonista troviamo il famosissimo e duro Michael Segal, oltre che la partecipazione di tanti altri straordinari talenti. Attualmente sto lavorando ad una co-sceneggiatura per un film web thriller da realizzare probabilmente in estate, poi in questi giorni sono impegnata sul set della serie horror “Camice Bianco” di Emilio Perrone e sarò impegnata a Marzo sul set del pilot “Strigae Mali”, debutto in regia per il compositore Paolo Mariello.

[NSG] – Vuoi aggiungere qualcosa per i lettori di NSG?  

[A.L.] – Ringrazio tantissimo Non Solo G0r3 e Marinella Landi per questa splendida intervista e invito tutti i lettori a seguire questo portale davvero interessante e perché no anche i miei progetti.

[Mary] – Grazie a te :)

Licenza Creative Commons Questo sito è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Hit counter by goldbetreview