LETTERA2 (LIBRI): RECENSIONE DI “GRINDHOUSE VOL.1″ AA.VV.

[A cura di Stefano R. Sangue]

Se vi capita di leggere la mia scheda artistica noterete che per campare faccio il libraio, che mi diletto a scrivere romanzi e racconti di ogni genere e che recensisco materiale letterario indipendente per questo fantastico portale che è NonSoloGore, quindi spremetevi per un attimo le meningi e immaginatevi anche solo per un secondo quanti libri mi siano capitati sotto gli occhi. Ho deciso di iniziare così con l’intenzione di unire questo primo lembo di testo con questo che segue: qualche giorno fa mi è capitato di acquistare una pubblicazione letteraria indipendente davvero eccezionale, edita dalla chiacchieratissima Dunwich Edizioni. La casa editrice in questione è riuscita a sfornare una nuova collana davvero speciale e (cosa più importante) inesistente nel panorama editoriale italiano. Il titolo è GrindHouse Vol.1 e contiene due brevi romanzi scritti da Ivo Gazzarrini e Pietro Gandolfi, oltre a veri e propri trailer di pubblicazioni future. Mi complimento. Davvero una gran bella trovata.

Il primo breve romanzo, Delirium, racconta la storia di un’irrequieta e giovane pittrice omosessuale perseguitata da un passato avvolto da una patina nebulosa, che decide di intraprendere con le sue due amanti (una fotografa impulsiva e una cantante da Night Club) un lungo viaggio in pieno stile on the road per ritrovare sua madre, attraversando il deserto con una decapottabile vecchio stile. Sembra quasi di trovarsi di fronte ad una trama drammatica scritta da un autore del movimento beat degli anni ’50, non è vero? Ebbene, è così solo in parte perchè Ivo Gazzarrini ci spiazza durante il tragitto. Infatti bastano solo pochi capitoli per far prendere al suo scritto una piega molto intelligente quanto (appunto) delirante. Fra motel e stazioni di servizio che sembrano gestite da David Linch in collaborazione con Wes Craven, una creatura bramosa di sangue, metà donna e metà falena, inseguira senza sosta e senza pietà le nostre tre protagoniste.
Lo stile di Ivo Gazzarini lo si potrebbe riconoscere lontano un miglio. E’ visivo. Cinematografico. Senza indugi. Usa la punteggiatura come se fosse uno stacco di montaggio creando così un susseguirsi d’immagini che portano ad un finale davvero forte e sconvolgente. Non è un caso che Delirium nasce inizialmente come sceneggiatura per un lungometraggio. Ma ve bene così. Il breve romanzo funziona. Eccome, se funziona.

Ma adesso cambiamo completamente genere e stile e passiamo al secondo breve romanzo intitolato Devil inside, che è orrore allo stato puro. Diabolico. Crudele. Viscerale. Senza censura. Racconta le gesta della giovane Helena, una ragazza dall’animo oscuro, prigioniera di un vuoto esistenziale, che per non affondare nella putrida coltre nera del mal di vivere si perde in baldorie notturne a base di fiumi d’alcool, droghe pesanti e sesso estremo. Affamata di nuove emozioni, una notte come tante, cede davanti all’invito di un ragazzo e partecipa ad una messa satanica in una villa isolata. Da quel momento in poi la sua vita e il suo modo di pensare cambierà drasticamente.
Con questo ottimo scritto Pietro Gandolfi ci dà l’impressione di avere le idee molto chiare su quello che vuole fare da grande e di saper davvero prendere allo stomaco una certa tipologia di lettori. Molto bravo nel gestire una protagonista femminile, per niente semplice per uno scrittore. Il breve romanzo scorre come sangue nelle vene e ti arriva dritto al cuore spezzandotelo come una mela marcia. Unica pecca? Forse l’ultimo capitolo e mezzo. Certamente un finale potente e blasfemo come piace a noi, ma incogruente con la crescita psicologica di Helena durante tutto quanto lo svolgimento della storia.

Per concludere, non posso che alzare un pollice a favore della Dunwich Edizioni e ai suoi due scrittori Ivo Gazzarrini e Pietro Gandolfi per questo primo ed efficente volume del Grindhouse letterario italiano.

Licenza Creative Commons Questo sito è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Hit counter by goldbetreview