LETTERA2 (LIBRI) – RECENSIONE “IL CAMPIONE” DI FILIPPO SANTANIELLO

[A cura di Stefano R. Sangue]

Come ben sapete Lettera2 non si occupa solo di romanzi editi da casa editrici indipendenti, ma anche di racconti in formato E-Book o inseriti su portali letterari scritti da scribacchini  subculturali davvero in gamba.
Ebbene, oggi è il turno dello sceneggiatore/scrittore Filippo Santaniello. Alcuni suoi racconti sono stati pubblicati su antologie e riviste di vario genere e collabora con ottimi registi indipendenti italiani per i quali ha scritto e scrive soggetti e sceneggiature.

Il racconto di cui ho il piacere di parlarvi s’intitola “Il campione“, abbellito da una manciata di foto davvero spettacolari di Giulia Mangione e leggibile gratuitamente sul blog L’inquieto.

Tutto avviene in una lugubre zona della cittadina di Norrkoping (Svezia), dove un anonimo Badboy vince una gara di un bizzaro gioco chiamato Sla Haren, grazie alla sua mentalità di eterno vincente, alle sue abilità di guidatore spericolato e al suo amato Pick-Up soprannominato Doris. Fin qui sembra andare tutto bene per il giovane protagonista, se non fosse che per un piccolo particolare, anzi no, facciamo due piccoli particolari. Eskil Berggren non ha preso per niente bene la vittoria del BadBoy e la sua cara e dolce (si fa per dire) figlioletta di nome Anja o Asa o Aima (o come cazzo si chiama) ha in bocca qualcosa di davvero prezioso per il nuovo campione.

Questa, in poche parole, è la piccola trama del breve racconto di Santaniello, ma non lasciatevi ingannare. Il Campione è molto più di tutto questo. E’ un racconto a Turbodiesel. Una miscela di Country nordico estremo con qualche buona dose d’horror famelico. Ha un ritmo così scorrevole tanto da farti consumare ogni sua riga in pochi minuti come se fossi uno sniffatore incallito di cocaina, anche se il finale lascia qualche puntino di sospensione… come se Santaniello avesse finito stranamente la benzina dando il massimo solo all’inizio dello scritto, oppure, dai, ancora meglio, come se tutto il racconto non fosse altro che il primo capitolo di un romanzo davvero avvincente.
Chissà se l’autore in questione un giorno ci regalerà anche questa gioia.

Licenza Creative Commons Questo sito è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Hit counter by goldbetreview