“LE FORMICHE DELLA CITTA’ MORTA” DA OGGI AL CINEMA AQUILA (ROMA)

Dopo essere stato presentato a Genova e in Sicilia attraverso una distribuzione autonoma grazie alla casa di produzione NeroFilm, “Le Formiche della Città Morta“, opera prima del regista Simone Bartolini, da oggi 15 Maggio verrà regolarmente proiettato, per una settimana e in orari serali, presso il Nuovo Cinema Aquila a Roma, mentre domani 16 Maggio H 20:30 è previsto un inc9ontro con regista e cast moderato da Fabio Meloni.

Nel cast del film, che racconta una Roma di strada, sono presenti Simon Pietro Manzari, Rachele Romano, Nina Torresi, Gaia Mottironi e Alfio Pileggi.

Sinossi: Roma, 2012. Una giornata come tante nella vita di Simon Pietro, giovane aspirante rapper, eroinomane e spacciatore alla deriva, disperato, senza lavoro e con un cospicuo debito nei confronti del violento Alfio. Fra ricordi di una vita passata ed amori perduti, spacci e consumo di droga, attorno a lui tira a campare un microcosmo di personaggi, persi come lui fra le vie di una città senza pietà.

Pagina ufficiale Facebook (qui)

Di seguito il trailer e il comunicato ufficiale

 

 

Comunicato ufficiale: Simone Bartolini – autore dell’opera prima che racconta la vita perduta della Roma undergrond – nonché il produttore Gregory J Rossi, i protagonisti Simon Pietro Manzari (aka Simon P) e Nina Torres e gli altri attori, musicisti e tecnici che hanno collaborato al film risponderanno alle domande del pubblico al termine della proiezione. Modera l’incontro Fabio Meloni. Il film che “racconta la capitale in un rap tossico” sarà in programmazione in esclusiva romana nella nostra sala fino al 21 Giugno in orari serali.

La Roma che il cinema non ha mai raccontato è la protagonista di “Le formiche della città morta”, opera prima di Simone Bartolini. Il film, totalmente indipendente e low budget, esce in sala a Roma dopo essere stato presentato a Genova e in Sicilia grazie ad una distribuzione ‘autonoma’, costruita come un puzzle sala per sala, dalla casa di produzione NeroFilm di Gregory J Rossi. “Ho raccontato Roma e le persone che vivono nei quartieri non patinati della Capitale – sottolinea Simone Bartolini – con onestà e senza paura di dare un’immagine cruda e disperata della città”. Le formiche della città morta presentato al Rome Independent Film Festival  2013 con grande interesse della critica e del pubblico, racconta una giornata come tante nella vita di Simon Pietro, giovane aspirante rapper, eroinomane e spacciatore alla deriva, disperato, senza lavoro e con un cospicuo debito nei confronti del violento Alfio. Fra ricordi di una vita passata e amori perduti, spaccio e consumo di droga, attorno a lui sopravvive un microcosmo di personaggi, persi come lui fra le vie di una città senza pietà.
L’opera prima di Simone Bartolini è soprattutto uno spaccato crudo e realistico della capitale, della vita di strada, dei movimenti underground e dei loro frequentatori. Con uno stile moderno e un approccio che ricorda film come Christiane f – noi ragazzi dello zoo di Berlino e Amore tossico, il film testimonia come il grave problema della diffusione dell’eroina è oggi più drammatico che mai anche se non conquista più le pagine dei giornali.

Licenza Creative Commons Questo sito è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Hit counter by goldbetreview