“DELINQUENTI ABITUALI” DI LUKAS BOOS + INTERVISTA AL REGISTA E A CRISULA STAFIDA

Continuano le riprese di “Delinquenti Abituali” diretto dallo scrittore e regista Lukas Boos aka Luca Mazzeo. Il film, prodotto dalla A.R.S. film roma e da Paolo Ferrantini, è tratto da una storia vera e incentrerà le sue vicende, che correranno su due differenti binari, sulla storia di “Ghiro” (Filippo Gattuso), giovane romano dedito a commettere atti di piccola criminalità, e “Teschio” (Luca Mazzeo), fratello di Ghiro ed ex crimnale appena uscito di galera, ossessionato dalla sua ex Laura (Crisula Stafida). Oltre ai nomi appena citati, nel cast troviamo anche Marina Benetti, Alessandro Campanella, Dan (Daniele) Latini,  Riccardo Toselli,  Danilo Carboni,  Cristiano ManciniFederica Cortesi. Il comparto musicale è stato affidato al noto compositore Massimiliano Lazzaretti, già interprete di importanti colonne sonore tra cui Benvenuti al Sud, Benvenuti al Nord, Manuale d’Amore 3 e Anche se è Amore non si Vede.

Da pochissimi giorni è stato reso noto che la Griffilm, in collaborazione con la Universal tedesca e la Karten Produktionen, doppierà il film in tedesco con il titolo “Italienische Criminal“.

Sinossi: La narrazione del film si snoda alternando scene recitate ai veri e propri footage registrati al tempo dai veri criminali che furono coinvolti nel progetto originale. La storia si divide in due filoni: Il primo ha come protagonista “Ghiro” (Filippo Gattuso), giovane romano di 24 anni abitualmente dedito ad atti di piccola criminalità. Contattato da una sua vecchia conoscenza addentrata nel mondo del cinema, il giovane delinquente verrà coinvolto nella realizzazione di un progetto ambizioso: un film con all’interno scene di crimini veri, ripresi con telecamere amatoriali. Saranno proprio Ghiro ed i suoi compagni, sotto promessa di un lauto compenso per ogni ripresa, a dover fornire il materiale “originale” alla produzione. Il secondo binario ha come protagonista “Teschio” (Luca Mazzeo), il fratello di Ghiro, appena uscito di galera e delinquente abituale. Ossessionato dall’affetto che prova per la sua ex-fidanzata Laura (Crisula Stafida), cercherà con tutte le sue forze di riconquistare l’amore perduto e dare inizio ad una vita finalmente normale.

Per rimanere sempre aggiornati seguite la pagina ufficiale di Facebook (qui), nel frattempo sentiamo direttamente dal regista e dalla co-protagonista Crisula, ormai volto noto e amato di un’attrice che ci sta dando delle belle soddisfazioni, attualmente impegnata anche con Angelika del quale presto vi parleremo, di scoprire qualcosina di più a proposito del film. 

Lukas Boos (regista)

[NSG] – Ciao Lukas, colgo intanto l‘occasione per ringraziarti della disponibilità. Scrittore di successo di diversi libri (La Vita è un Libro Aperto, Transilvania Night e La Vergogna di essere Italiano), tra cui quello di prossima uscita Il Respiro di Satana, dopo diversi corti e mediometraggi, dirigi il tuo primo lungometraggio Delinquenti Abituali. Tratto da una storia vera, il film è incentrato sulla criminalità, in questa caso romana, e sulla voglia di costruirsi, nonostante tutto, una nuova vita. Cosa ti ha spinto a “debuttare” con quest’opera e i temi in essa trattati?

[L.B.] – Per primo NonSoloGor3 vi ringrazio dei complimenti che non mi merito ma che comunque mi fanno piacere.

Come tu hai anticipato mi sono basato su una storia accaduta, scrivendo una storia romanzata su quella reale e unendo le immagini realmente girate, ricostruendoci sopra un racconto, Il produttore Paolo Ferrantini e la società A.R.S film Roma decidono di produrre questo film e cosi ci siamo trovati a progettare il tutto. Il film è girato a Roma in 6 quartieri diversi da S. Basilio a Tor bella Monaca, da  il Quadraro a Fiumicino ma anche zone centrali come Castel s. Angelo e Trastevere. Ci sono 4 teatri di posa, 3 attori protagonisti e 6 attori cooprotagonisti.
La fortuna è stata trovare tutti attori molto bravi, come Filippo Gattuso, Marina Benetti, Crisula Stafida, che sono i protagonisti, ma anche gli altri cooprotagonisti, insomma tutti uno più bravo dell’altro.

Anche il Cast Tecnico da Davide Palmaccio che cura la fotografia al mio assistente e braccio destro e forse anche sinistro Alessandro Campanella Aiuto Regia e ancora lo sceneggiatore, un vero professionista e anche ormai un amico, credo che senza di LUI non sarei riuscito a fare questo Film. Un’altra cosa fantastica è che la colonna sonora sarà scritta per l’occasione dal musicista Massimiliano Lazzaretti, secondo il mio Parere e di tanti altri fra i quali Pupi Avati, uno, se non il miglior compositore di colonne sonore in Italia a oggi vincitore di molti premi.

[NSG] – Qual’è, o quali sono, il messaggio predominante racchiuso in questa storia?

[L.B.] – Il film non racconta di Delinquenti o Criminali che vogliono fare questo per passione e neanche c’è una ascesa al crimine, nessuna associazione criminale, sono ragazzi che vivono questa situazione perché non sono riusciti almeno per ora a fare altro nella vita e davanti a una proposta di denaro facile non intendono ne vogliono tirarsi indietro. Non c è un vero e proprio messaggio racchiuso nella storia ovvero ce ne sono zero e mille, ognuno tirerà fuori il proprio.

[NSG] – Il film, pur presentando, a quanto si apprende dalla trama, un legame stretto con gli eventi raccontati, è suddiviso in due parti distinte tra loro, come mai questa scelta e come verrà rappresentata questa suddivisione, sarà un unico film o ci saranno due “episodi” che faranno parte della stessa cornice?

[L.B.] – No, sarà un unico film che però racconterà due storie differenti ma che fanno parte dello stesso disagio sociale e tengo a sottolineare nuovamente che non è un film poliziesco o sul genere Romanzo Criminale, non ha nulla a che fare con quel filone, è un esperimento nuovo mai provato ne in Italia e credo neanche altrove.

[NSG] – Oltre ad esserne il regista, nel film interpreti “Teschio”, un ex criminale appena uscito di prigione, fratello del giovane, a sua volta criminale, “Ghiro” e ossessionato dalla tua ex. Cosa puoi dirci a proposito del tuo personaggio?

[L.B.] – Teschio non è un personaggio principale, non è neanche un Delinquente Abituale come gli altri, ma un vero e proprio criminale, visto che spesso fanno vedere i Criminali mentre commettono crimini, omicidi, rapine e droga IO volevo far vedere un criminale alle prese con l’amore, l’unica cosa che credo gli faccia davvero paura. Perché puoi essere cattivo e criminale quanto vuoi ma mentre i soldi e il potere puoi prenderteli con la prepotenza, il cuore di una donna NO, per quello ci vuole il cervello. Non puoi puntargli una pistola e dirgli amami o ti sparo.

[NSG] – Questo film, cosa significa e cosa rappresenta per te?

[L.B.] – Bè, questo è il mio primo Lungometraggio, rappresenta un sogno che si realizza. Sogno di fare un film da quando avevo 9 anni e facevo i corti con i miei amichetti e una Sony Explorer. Rappresenta molto il primo film di Lukas Boos (a proposito non vivo in Italia e dove vivo ora tutti mi chiamano Lukas oppure semplicemente Boos unite le due cose Lukas Boos).

Vi dico che non mi aspetto grandi cose come non me le aspettavo dal mio primo libro, faccio qualcosa perché amo farla, se poi la vedono 100 persone o 10 milioni sono felice nello stesso identico modo, ovviamente i produttori non la pensano cosi, loro vogliono i numeri e fanno il loro lavoro, ed è giusto che sia cosi.

[NSG] – Hai già reso noto che Delinquenti Abituali avrà anche un doppiaggio in lingua tedesca, in termini di distribuzione, forse è un po’ presto, ma c’è già in ballo qualcosa per il futuro del film?

[L.B.] – Guarda, quello che so di certo è che la Griffilm e la Kartenproduktionen hanno acquistato i diritti per il mercato Tedesco, Austria, Germania, Svizzera ecc, sarò io stesso che seguirò il doppiaggio, cosi come seguo il montaggio. Per l’Italia so che ci sono delle basi, ma il mio lavoro si ferma alla Regia, lascio a chi fa il commerciale  occuparsi della distribuzione e del commercio del film. Ancora è presto, le riprese terminano a fine Febbraio anche se il 70% è già  in Post-produzione.

NSG] – E per il tuo futuro, oltre al romanzo “Il Respiro di Satana” a  cui ho fatto accenno all’inizio, che uscirà a Giugno, quali sono i progetti per questo 2014?

[L.B.] – I progetti? In primo la conclusione e il futuro del film Delinquenti Abituali in Italia e all’estero. A Giugno l’uscita del libro, il mio primo romanzo ispirato alla setta dal nome “Bestie di Satana”, lo sto scrivendo da tre anni e finalmente siamo alla conclusione. Altri progetti cinematografici ci sono ma è presto per parlarne.

[NSG] – Vuoi aggiungere qualcosa per i lettori di NonSoloGore?

[L.B.] – Si in bocca al lupo a tutti quelli che amano questo lavoro a tutti i lettori e ai gestori di questo fantastico e interessante sito.

Crisula Stafida (attrice)

[NSG] – Ben ritrovata Crisula! Uno stop dalle botte e dai massacri dei quali recentemente sei stata protagonista; da Il Marito Perfetto, a Tulpa fino ad arrivare a M is for Martyn, dove i registi non si sono troppo risparmiati, per interpretare la donna, o meglio, l’ex fiamma, di un ex criminale. Parlaci un po’ di Laura, questo personaggio, nonché cooprotagonista femminile, che interpreti nel film Delinquenti Abituali. Come sei entrata a far parte di questo progetto, per altro tratto da una storia vera, e cosa ti ha fatto accettare la parte?

[C.S.] – Mi ha contattata il regista Mazzeo che vive in Austria per chiedermi di entrare a far parte del cast… Il progetto mi ha subito intrigato perchè è particolare, alcune scene sono recitate mentre altre sono riprese amatoriali di “delinquenti abituali”,  non chiedermi se vere oppure no, la produzione su questo è stata piuttosto vaga… Comunque sia, mi ha intrigato la cosa e ho accettato. Mi piace cimentarmi in progetti alternativi.

[NSG] – Qual’è l’aspetto di questo personaggio, Laura, che più ti affascina e per il quale ti sei sentita subito in sintonia, e cosa, contrariamente, ti da maggiori difficoltà?

[C.S.] – Laura mi somiglia molto, sinceramente ho avuto poche difficoltà ad approcciarmi al personaggio, anche se so’ che fa più figo dire il contrario (ride), e’ una donna semplice e grintosa…Poi, dopo la gavetta horror in cui ho dovuto sviluppare una santa pazienza zen, mi sentivo molto “free” a non dover perdere tempo tra una scena e l’altra con litri di sangue ed effetti speciali.

[NSG] – Sempre in Delinquenti Abituali, senza ovviamente la pretesa di entrare troppo nel vivo per evitare di spoilerare, c’è a scena, magari che devi ancora girare, che senti di amare particolarmente?

[C.S.] – Probabilmente quando Laura rivede Teschio che è uscito di galera e la va a cercare a casa, lei lo aggredisce perchè è stanca di avere a fianco un uomo inaffidabile, ma poi si accorge che è difficile far prevalere la razionaliTà sui sentimenti…

[NSG] – Qual’è, ad ora, l’interpretazione alla quale sei più affezionata, quella che hai sentito più tua, e quale invece, quella che ti ha dato più problemi e perchè?

[C.S.] – Quella a cui sono più affezionata  probabilmente è “Viola”,  protagonista del mediometraggio “Il Marito Perfetto”. Una psicopatica visionaria e fragile, un personaggio che sicuramente mi ha creato tutta una serie di opportunità in seguito,  e anche se non e’ un ruolo da protagonista direi anche “Giulia Silenzi” in Tulpa, un film che mi ha dato buona visibilità soprattutto grazie alla scena saffica con Claudia Gerini.

[NSG] – Un ruolo che ti piacerebbe interpretare?

[C.S.] – Il prossimo..Angelika. Un’eroina del nostro tempo, una donna che si fa’ giustizia da sola contro un sistema che le strappa un grande affetto. Ciò che potremmo diventare tutti se ci fosse violato qualcosa o qualcuno che amiamo profondamente. La regia è di Luigi Marani, la sceneggiatura di Damiano Brogna e Stefano Ricciardi. Il direttore della fotografia dovrebbe essere lo stesso di “Tulpa”, Giuseppe Maio, che al momento è all’estero per lavoro, stiamo definendo tutto in questi giorni. Mentre c’è ancora del lavoro in corso sul cast artistico… ma qui non dorme nessuno! ;)

[NSG] – Oltre a Delinquenti Abituali e Angelika, come sarà questo 2014?

[C.S.] – Non ci penso mai, nel senso che penso poco al futuro. Penso al presente e organizzo la mia vita giorno per giorno, sono la classica a cui se domandi “che mangiamo domani a cena?”  ti risponde “boh, intanto pensiamo a cosa mangiamo oggi..”

[NSG] – Qualcosa per i lettori di NonSoloGore?

[C.S.] – Sono felice di essere entrata in questa “famiglia” che e’ il mondo gore e horror, ogni tanto vi tradirò per vedere un po’ di luce, ma tornerò sempre nel tunnel più torrido del noir, ormai mi e’ entrato nel sangue.

Licenza Creative Commons Questo sito è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Hit counter by goldbetreview