“GORCHLACH: THE LEGEND OF CORDELIA” LA NUOVA AVVENTURA DI FABIO CENTO

Cominciano ad arrivare le prime informazioni sulla nuova web serie ideata e diretta da Fabio Cento, “Gorchlach: The Legend of Cordelia“, prodotta dalla Aegyptiacus Entertainment, nuova casa di produzione indipendente valdostana fondata dallo stesso regista, in collaborazione con la Liquid Gate Studio di Torino, Labnormal di Roma e la Partnership della nota rivista Focus Storia. La serie è una grande avventura sullo stile di Indiana Jones e quella di National Treasures, all’interno della quale collaborano anche archeologi, ricercatori e storici. Un progetto molto ambizioso quello del regista Cento che si appresta a confezionare un’opera dalle prospettive davvero interessanti.

Di seguito il comunicato ufficiale.

Comunicato ufficiale:  Aegyptiacus Entertainment“, neo produzione indipendente valdostana, fondata da Fabio Cento sta realizzando come opera d’esordio la fiction “Gorchlach: the legend of Cordelia“, in collaborazione con l’azienda “Liquid Gate studio” di Torino, la casa di effetti speciali “Labnormal” di Roma e con la partneship della nota rivista “Focus Storia”. “Gorchlach – the legend of Cordelia”, diretta da Fabio Cento, è una serie d’avventura quasi interamente ambientata in Valle d’Aosta, dedicata a web e televisione che ha come modelli di riferimento la saga di “Indiana Jones” e quella di “National Treasures”. All’interno della serie saranno presenti attori noti di cinema e televisione, inoltre collaborano attivamente per realizzare un
prodotto filologicamente e storicamente attendibile, archeologi, ricercatori e storici, che si occuperanno delle rispettive epoche trattate all’interno della sceneggiatura. Per fare alcuni nomi; Francesco Corni – ricercatore e illustratore archeologico, Guido Cossard – archeoastronomo, Cinzia Joris – archeologa , Alessandro Celi – ricercatore e Lorenza Rizzo – archeologa.

La Valle d’Aosta e il suo territorio ricco di storia, da sempre hanno suscitato in me grande interesse e fascino, stimolando in ogni situazione la mia fantasia e l’estro creativo. I luoghi suggestivi che ci circondano celano storie, personaggi, vicende e misteri ancora oggi irrisolti. Tante le leggende, ispirate dalla storia reale, leggende popolari, leggende tramandate oralmente che da sempre creano un sottile confine tra finzione e realtà, confondendo e affascinando chi legge
e chi sa ascoltare. I personaggi in esse contenuti, Santi, popolazioni perdute o ancora miti, tesori nascosti e oggetti ancora oggi dal significato sconosciuto, suscitano nell’uomo un particolare interesse, emozionando a qualsiasi età. Storie, a volte di dubbia veridicità, sanno incantare, facendoci immergere in un mondo antico, lontano, raccontato attorno alla suggestiva luce del fuoco, quando ancora il mondo era fatto di simbologie e princìpi” – spiega il regista Fabio Cento – “Questo è lo spunto da cui nasce il soggetto di “Gorchlach”: raccontare una storia intrigante e coinvolgente tra leggenda e realtà, percorrendo le tappe salienti della nostra storia, puntando a far rivivere con sé personaggi, situazioni e vicende a loro legate, sfruttando a 360° il territorio e il suo immenso patrimonio storico-artistico

La sceneggiatura (sceneggiatori: Roberto Tomeo, Vincenzo Costanza – script supervisor: Andrea Borini) si sviluppa intrecciando una storia ambientata ai giorni nostri, con diverse situazioni e personaggi del passato, tramite flashback. Attraverso il ritrovamento di indizi e con la risoluzione di anagrammi e misteri, i protagonisti, due giovani archeologi, Guglielmo Corsaris (Federico Mariotti) e Rachel Blackwood (Alice Lussiana Parente), si troveranno alle prese con un misterioso manufatto, il “Gorchlach”, risalente all’epoca dei salassi, antica popolazione celtica.

Licenza Creative Commons Questo sito è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Hit counter by goldbetreview