SAZIANDO L’UOMO

Saziando l’uomo è un film della durata di 75′ circa dei registi Emanuele Dainotti e Alessandro Capuzzi, che unisce, stando alle dichiarazioni degli stessi, l’oniricità al concetto di “Aurea Mediocritas” (Odi dal poeta romano Orazio), termine latino che definisce, in sostanza,  il rifiuto degli eccessi. Il film pare porsi come un enorme quesito agli occhi dello spettatore, ponendo quelle che sono le classiche domande esistenziali.

Di questo i due registi dicono: “Il lavoro che ci ha accompagnato nella creazione di Saziando l’Uomo, consiste nella riscoperta delle domande che assillano l’essere umano attraverso una loro rilettura che si propone di scavalcare l’umano stesso, con le sue consuetudini, con la sua società, con la sua arte, con le sue risposte e i suoi dogmi”.

Il film è interamente autoprodotto e il budget che è stato utilizzato è pari a 2000 € (produzione e post produzione). Il film, sempre per una questione di costi, si muove e respira in una singola ambientazione e le scenografie sono state ricreate utilizzando materiale di recupero. Per quanto riguarda invece i quadri e le sculture presenti, sono state utilizzate opere originali del Maestro Roberto Ardovino. Anche in questo caso, come spesso accade, i componenti del cast tecnico/artistico hanno lavorato gratuitamente.

Di seguito vi riporto il trailer e un piccolo estratto che mostra una piccola parte di questo lavoro che sembra reggersi su una buona struttura e pare lasciare una buona dose di curiosità e, volendo, fascino addosso… Presto vi potremo  dire di più, per esempio se queste premesse vengono soddisfatte…

TRAILER

ESTRATTO “SAZIANDO L’UOMO”

ALCUNE IMMAGINI

Licenza Creative Commons Questo sito è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.
Hit counter by goldbetreview